Superbonus 110%

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
superbonus

Le nuove detrazioni fiscali del 110%, previste dal Decreto Rilancio, si sono aggiunte agli strumenti normativi esistenti (bonuscasa, ecobonus, sismabonus e bonusfacciate) con il duplice obiettivo di migliorare l’efficienza energetica e strutturale del parco immobiliare italiano e di aggiungere nuove possibilità di sviluppo del settore delle costruzioni che consentano il rilancio degli investimenti.

Nuove possibilità che si sono scontrate da subito con adempimenti operativi e burocratici e con interpretazioni spesso contrastanti, che riguardano i tanti cavilli imposti e malposti, e che costringono operatori e contribuenti a fare collage di normative differenti.

Pertanto, al fine di fare un po’ di chiarezza e per tentare di semplificare il tutto, Assipunto è lieta di offrirvi una consulenza gratuita, mettendo a Vostra disposizione il suo personale qualificato e di esperienza nel settore.

Come funziona il Superbonus e la cessione del credito?

La Famiglia 

La famiglia che effettuerà lavori sulla propria abitazione o condominio al momento della dichiarazione dei redditi per ogni euro di spesa riceverà una detrazione pari al 110% del costo dei lavori che potrà usare in compensazione con le tasse.

Potrà scontare questo importo in 5 anni, oppure potrà chiedere all’impresa che ha fatto i lavori uno sconto in fattura pari al 100% della spesa a fronte della cessione del credito fiscale.

L’impresa

L’impresa X fa lavori per 100.000 € in casa del Sig. Rossi, il quale può decidere di cedergli il suo credito fiscale. In questo caso l’impresa emette una fattura di 100.000 € con uno sconto del 100% ed il Sig. Rossi quindi non tira fuori nemmeno un euro. L’impresa X si vede riconosciuta dallo Stato un credito d’imposta, utilizzabile esclusivamente in compensazione, pari a 110.000 € (110% dell’importo fatturato).

A quel punto può decidere di cederlo ad UnopolSai Assicurazioni che tratterrà l’8%. In questo modo l’impresa X riceverà 102.000€.

Lavori ammessi con il Superbonus

  • Sostituzione di finestre comprensive di infissi.
  • Interventi di coibentazione totale per ridurre del 50/60% le spese di luce e gas.
  • Rifacimento facciate (con cappotto termico).
  • Messa in sicurezza dei fabbricati nelle zone a maggior rischio sismico.
  • Installazione di caldaie a condensazione (classe A).
  • Istallazione di pompe di calore o pannelli fotovoltaici per produrre acqua calda.
  • Lavori condominiali di efficientamento energetico.

Lavori ammessi: aliquota di detrazione 110%

Tipologia di intervento

Riqualificazione energetica

  • Interventi ammessi
    • Isolamento termico delle superfici.
    • Sostituzione impianti di climatizzazione.
  • Spesa massima
    • 50.000 €/unità unifamiliari o indipendenti.
    • 40.000 €/unità edifici da 2 a 8 unità.
    • 30.000 €/unità edifici con più di 8 unità.
  • Opere di efficientamento energetico
    • Da 300.000 a 100.000€
  • Impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica
    • 48.000 € e massimo 2.400€/KW di potenza nominale
  • Sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati
    • 1000€/kWh di capacità di accumulo con limite complessivo 48.000 € e massimo 2.400€/KW di potenza nominale.
  • Infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici
    • 3.000 €

Antisismica

  • Interventi di adeguamento o miglioramento sismico (su parti comuni se condomini)
    • 96.000€/unità edifici unifamiliari o indipendenti
    • 96.000€/unità edifici con più di due unità

Chi siamo

Siamo un gruppo di consulenti al servizio delle persone, punto di riferimento di numerose famiglie e aziende della provincia di Terni.

Articoli Recenti